Conversazioni con i Tarocchi: Gennaio

Questa stesa di carte non si pone come predizione bensì come dialogo con gli Spiriti, i Signori dei Tarocchi.
Quella con le carte è una conversazione silenziosa che si compone danzando dentro e fuori le immagini dalle quali scaturiscono impulsi, intuizioni, collegamenti fra pensieri o ricordi.
Gennaio è il cuore dell’Inverno, un cuore sopito e incavato nelle profondità dell’anima che per sopravvivere al gelo si chiude, si avvoltola e medita; gennaio, sotto il vigile occhio di Saturno, ci insegna a lasciare andare un pezzo di giovinezza, uno scampolo di tempo terreno. E insegna che se qualcosa finisce è per dare inizio a qualcos’altro.
 
Nel complesso la stesa appare slegata e, con l’incipit del Matto, viene illustrata una situazione percepita come instabile e incerta. Si entra, in questo nuovo mese del nuovo anno, affaticati e zavorrati (10 di Bastoni) di un peso morto (10 di Spade). Con la fine del 2021 si è chiuso un ciclo esistenziale: dove siamo stati dolorosamente toccati? Dove, al contrario e per pochi, felicemente travolti?
 
Quello che si è concluso è caratterizzato da una “fine permanente” ed è destinato, in altri (e alti) processi trasformativi a putrefarsi, preferibilmente altrove, perché allo stato presente risulta essere non più di un peso morto. Il focus, tuttavia, non è sul cosa è giunto a termine, ma sul come ci si rapporta ad una fine.
Non è più tempo di fare il capro espiatorio, di prendersi inutili carichi e di sprecare le proprie preziose, intime risorse. Faticare non sempre è sinonimo di virtù e buona volontà, ma può essere invece indice di ostinazione. Non c’è alcuna ricompensa nel vivere la vita degli altri, e dunque, molliamo il carico così il fiume dell’esistenza lo possa portare via, nel cosmico mare dell’irrisolto.
Aggiungo un mantra che sorge spontaneo: ognuno si tenga la sua melma!
 
La Giustizia (Arcano Maggiore XI), guardiana armata di spada e depositaria di compensazione e risanamento, concorre all’attuazione dell’intero processo di sgravio. A sua volta pare essersi originata dal caos primordiale del Matto (Arcano Maggiore 0) ed è proprio dal rimestarsi e rigirarsi delle forze cosmiche e dalle loro infinite possibilità che è iniziato uno degli immaginabili cammini che ristabiliscono, o instaurano, un ordine nuovo.
A fare da corollario al tutto, o peggio, a deviare e distogliere l’attenzione è la continua, disturbante ingerenza della massiccia mole di comunicazioni: anche se non richieste, le notizie piovono da ogni dove in modo perentorio, tagliente e diretto (Cavaliere di Spade). Cerchiamo di “metterci in protezione” dalla foga fagocitante dei mezzi di informazione, soprattutto quando disinformano, ricattano, terrorizzano mirando a forgiare (ignare) coscienze.
 
Tuttavia un aiuto (Asso di Bastoni) provvidenziale c’è e può farsi tangibile e concreto scaturendo direttamente dalla pienezza della materia compiuta del Nove di Denari. Il Nove apre alla visione, che si fa lungimiranza e capacità di valutazione e che nutre la nuova scintilla di vita. Come lo fa? Con matura predisposizione ad accogliere e a dare e con la capacità di creare ex-novo. Unendosi all’Asso rivela che la salvezza non è non là fuori chissà dove ma è insita in ognuno di noi, nell’oro del nostro essere, nella nostra preziosità che è immanenza divina. La vera sfida consiste nel farlo in un modo a cui non si era mai pensato, con eclettismo e trasversalità di pensiero, così come sottende il Matto.
Nell’oro interiore c’è tanta solitudine, negazione, tentativo di offuscamento dall’esterno insieme al rischio di auto-inciampare lungo il cammino, per timore di non essere “all’altezza di”.
 
Messaggio chiave: scopri, riscopri e metti a frutto i tuoi talenti; è racchiuso nell’espressione di te il segreto del flusso di abbondanza in cui ogni vita, in colorata leggerezza, dovrebbe e potrebbe essere immersa.
 
Miria

Scopri il mio Libro
Una nuova alba per Sole


Se senti il forte richiamo della volta celeste, il dolce sussurro delle stelle, l’eterno suono del firmamento…
Mapperò il tuo tema natale astrologico e converseremo, insieme, con le energie planetarie.
Oppure, con i Tarocchi e altri tipi di carte, sonderemo la realtà visibile ed ordinaria oppure l’oltre, invisibile e straordinario.Scrivimi qui: miria.tondi@gmail.com 

Miria Tondi

Donna di luce e d’ombra, sono studiosa e ricercatrice del sé, del simbolismo, degli archetipi e delle arti magiche da 25 anni. Leggo i Tarocchi, il Tema Natale Astrologico e altri tipi di carte decodificandone il linguaggio arcano e sollevando il velo sul sapere ancestrale contenuto in queste discipline.

Alle letture abbino la pratica del tamburo sciamanico.
Ho scritto articoli per una rubrica di arte esoterica e tuttora scrivo sul femminile secondo una prospettiva mitica, antropologica e comportamentale.
Amo molto i bambini, ho lavorato come insegnante di scuola primaria, di infanzia e di sostegno.
Sempre in qualità di docente ho co-condotto corsi di meditazione.

Il mio Blog

La mia pagina Facebook

Nessun commento

Leave a reply

NaturaGiusta - Essere in Evoluzione