Sono una Strega: mettitelo in testa

Delle volte è così difficile rivendicare la parola “Strega”.

È talmente potente, che nel collettivo procura ancora qualche disagio.
Chiunque può essere una strega, siamo tutti nati con un potere, un talento, ma questo non desta valore.

Tuttavia la società ci insegna che la magia non esiste, che non è reale oppure che le streghe sono cattive.
La società non ha problemi di ipocrisia, può insegnarti ciò che desidera, pur di avere il controllo della tua mente.

Allora chi è più pazzo?
Io che credo in me e nella mia verità, o nelle bugie della società?

La comprensione e la gestione della parola “Strega” da parte della collettività, risulta molto spesso pura menzogna.

Che cosa ti balla dentro?
E’ quella la vera verità!

Se ti piace definirti “Strega”, perché non farlo, è un tuo diritto di nascita.

Quando finalmente rivendicai il titolo di Strega per me stessa, provai un senso profondo di ritorno a casa.
Sviluppare una relazione con questo termine era come provocare e sfidare le convinzioni altrui, richiedeva molto sforzo.

Ci sono voluti tanti anni, tanti miti da sfaldare dentro di me.
Mi dicevano che per essere una Strega dovevo avere una congrega, o se ero battezzata non potevo esserlo, o ancora che dovevo avere una discendenza particolare.
Chi ero io per rivendicare questo titolo, chi mi poteva dare un certificato che potesse attestare che ero tale?

Anche se la mia mamma è una donna molto sensibile, dalle grandi capacità percettive, come l’ho è anche stata mia nonna, questo non faceva di me una buona strega.

Anche se credevo di non esserne degna, comunque vivevo praticamente come una strega, ed è stato quattro anni fa che ho deciso di farla finita con tutte queste fissazioni e di vivermi bene questo temine “strega”.
Tutto ciò mi ha resa felice e in pace con me stessa.

Credo che la magia trovi sempre il modo di presentarsi.
Mi sono data il permesso di uscire fuori dagli schemi, di scoprire i miei talenti, di venerare la natura, di sentirmi in sintonia con la meraviglia di tutto ciò che mi circonda attorno, di risvegliare e rendere la mia sessualità sacra per me e il mio compagno.
Di usare il mio potere per chi ha bisogno, di collegarmi all’universo, di amare incondizionatamente, di essere unica e  di condividere questa mia unicità con quelle che sento come mie sorelle.

La società ha addestrato le donne a tenere basso il profilo.

Quindi Sorella Strega quando tutto il mondo ti viene contro,
sappi che sei sulla strada giusta.

Alzati e urla alle stelle,
ti ascoltano.

Affidati all’Universo.
A volte il percorso della Strega è solitario
e le sfide sono intense,
ma credimi ne vale la pena.

Quando si raggiunge la vetta più alta
il panorama di noi stesse
non ha prezzo,
è meraviglioso.

Una verità che imparerai sul cammino della Strega,
è che il tuo peggior nemico sei tu,
non devi scappare,
ma solo oltrepassare il dolore
ed avere fiducia che tutto ancora…
può succedere.

Tutto quello che posso dirti
e che se senti reclamare il tuo potere dentro,
lo senti nelle ossa, scorrere nelle vene …
se la magia ti batte nel cuore,
reclama il tuo titolo.

Solo tu hai il diritto e il dovere di farlo.
Solo tu saprai quando è il momento giusto.
Non esiste certificato che lo attesti.
Ognuno di noi ha la sua autenticità.

Ignora il rumore attorno
e concentrati sulla tua anima.

Lo vedi che stai sorridendo,
la verità ti corre dentro.

Potremmo non essere apprezzate,
ma sta di fatto che non possono più fermarci,
tutto quello che chiediamo
è solo di ricordare, onorare,
celebrare, rispettare.

Non si può togliere il potere a una Strega,
ignora il rumore,
reclama la parola a voce bassa o a voce alta…

l’importante è che tu lo senta nel tuo cuore,
non si tratta di rettitudine,
si tratta di libertà.

Pratica la tua magia Sorella Strega,
e se ti sentirai sola
allora cercami!

Carla

© Naturagiusta 2018-20. Tutti i diritti riservati

Scopri il mio libro: “Le Streghe vanno a letto presto

Scopri Subito

Carla Babudri ha inizialmente studiato le Astrologiche Classiche e in seguito approfondito la corrente umanistica/psicologica integrando gli studi legati al Karma.

Nel 2004 decide di studiare astrologia e ad approfondire  argomenti spirituali indirizzandosi verso il Culto della Dea creando l’Arche – astrologia  che la vede coinvolta in una ricerca di consapevolezza sempre più profonda, diventando cosi un counselor Astrologico, centrato sul mondo della Psicologia degli archetipi.

Nel 2008 completa gli studi di Astrologia Karmica con il Maestro Karun, maestro italo/indiano di astrologia Indiana, astrologia tibetana.

Nel 2009 incomincia la sua ricerca su Ofiuco e inizia il suo libro sul tredicesimo segno.

Nel 2010 diventa operatore di Theta Healing;

Nel 2010 intraprende i suoi studi nel mondo Tantrico/Taoistico, accedendo cosi ai sacri misteri del Sacro Femminile- Sacro Maschile

Nel 2017 crea e fonda il Tempio di Jada, una visione nuova sul sacro femminile e sacro maschile, tutto ripreso dagli studi e dalla esperienza con il mondo taoistico/tantrico.

Ha pubblicato due libri di poesie incentrate sul percorso di crescita individuale e la scoperta del sé.

Conduce gruppi di meditazioni e visualizzazioni guidate verso il potenziale Femminile e armonizzazione con i cicli naturali di Madre Terra, seguendo la corrente filosofica della “Cammino della Dea”.
Amante della fotografia. Ha scritto articoli per la rivista L’iniziazione e per diversi blog.

MAGGIORI INFO: www.storiadiunapoesia.it  –  www.iltempiodijada.it

Nessun commento

Leave a reply

NaturaGiusta - Essere in Evoluzione
Logo