Scoprii tuffandomi, che ero sempre stata una Sirena

E all’improvviso tutto fu chiaro: la scarsa destrezza che caratterizzava l’avanzamento nel percorso della mia vita ebbe un senso quando realizzai di avere una coda da sirena.

L’acqua per sua natura è un elemento energeticamente fluttuante, che ti può portare nelle profondità, non solo marine, ma anche di sé stessi.
In fondo a noi stessi però è buio e non sappiamo veramente cosa incontreremo finché non si scende. Le cose e le emozioni che possiamo trovarci potrebbero pesarci molto ma anche divenire l’occasione per liberarle dal fondale e lasciarle andare.

Il tesoro si trova sempre in fondo al mare, no?!

L’acqua prende la forma di ciò che la contiene e, allo stesso tempo, avvolge ogni piccola parte di ciò che vi si immerge… accarezza…, tocca…
In questo tocco materno ci possiamo ri-sentire in tutta la nostra interezza e fluttuando possiamo spingerci sempre più in fondo.
E’ un viaggio di scoperta, non dobbiamo avere paura.

La rinuncia a visitare questa parte di noi porta inevitabilmente al non riconoscere una parte di noi. Nella favola la sirenetta perde infatti la sua voce, quando cambia la sua coda con delle gambe.
La voce, collegata al quinto chakra, rende possibile l’esteriorizzazione delle nostro mondo interiore:
è il portale per la consapevolezza del nostro sé. E’ necessario non dimenticare chi siamo.
Il chakra della gola è legato simbolicamente all’etere perché è il collegamento tra l’abisso dell’acqua, il cielo infinito e la terra.

Il significato profondo di nuotare come una sirena era quindi questo?

Non dimenticarlo figlia mia, non dimenticare chi sei,
non avere paura di visitare i tuoi abissi,
nulla ti accadrà se guarderai con occhi di meraviglia.
Non perderai nulla se non rinuncerai a nessuna parte di Te.
Tu sei perfetta così come sei.
Ora che hai iniziato il cammino,
continua fiduciosa, non sei sola,
non lo sarai mai”

E così estremamente grata non ebbi più paura,
l’oscurità si illuminò di me.

Vania

Vania Zanonato

Operatrice shiatsu professionale, educatrice, insegnante di massaggio al bambino.

Ero sempre alla ricerca di qualcosa….
Lo trovai così, lo shiatsu, attraverso un volantino colorato trovato per caso in un negozio.
Ricordo ancora quelle sere passate in una bellissima mansarda profumata d’incenso, alla luce del crepuscolo rischiarata da candele danzanti, ricordo che lì successe qualcosa, mi innamorai perdutamente dello shiatsu mentre la mia anima cercava in tutti i modi di farmi capire che era ciò che avrei dovuto fare.

In quel periodo lavoravo come educatrice d’infanzia. Nonostante fosse un lavoro che avevo desiderato intensamente e che mi aveva permesso di approfondire la mia conoscenza sull’infanzia; il modo di giocare; di apprendere; di imparare, di sentire, non era ancora abbastanza.

Fu grazie alla scuola internazionale di shiatsu, dove iniziai ad imparare la fisiologia e anatomia umana, medicina tradizionale cinese, la valutazione ed il riequilibrio energetico ecc., che il mio modo di pormi con i bambini, di guardarli e di relazionarmi con le persone, cambiò.

Iniziai ad apprezzare la singolarità delle persone, i talenti e le potenzialità che le rende uniche.
Il desiderio di cambiare vita cresceva sempre di più. Non volevo “semplicemente” cambiare lavoro ma volevo rimettermi in gioco.
Con la nascita dei miei figli però il mio mondo si capovolse. All’improvviso, sembrava che tutto ciò che avevo imparato e che conoscevo fosse scomparso dalla mia memoria. Non ricordavo nulla.
Piano piano raccolsi i pezzi e cercai di dare un nuovo senso a tutto ciò che allora rappresentava la mia nuova realtà.
Feci pratica sul campo con i miei figli, sperimentai, misi in dubbio molti dei concetti che credevo veri e praticabili. Arrivai a un punto di rottura così profondo da mettere in dubbio chi ero, il mio lavoro e le mie passioni. Rispolverai ciò in cui credevo davvero, l’onestà, la passione per ciò che si fa, la riverenza ed il rispetto che provavo di fronte ad un altro essere umano, l’intenzione di fare il bene, sempre.
Ora, dopo dodici anni di esperienza come educatrice d’infanzia 0/3 anni, lavoro come operatrice shiatsu qualificata e insegnante di massaggio al bambino.
Attraverso lo shiatsu, il massaggio al bambino e alla mia pluriennale esperienza nel mondo dell’educazione, insegno alle mamme un diverso modo di comunicare con i loro piccoli e le aiuto a ritrovare l’armonia con sé stesse e l’equilibrio di corpo-mente-spirito, favorendo l’attenuazione di stress, ansia e insonnia.

Il mio SITO

La mia pagina Facebook: Casa Shiatsu

La mia email: anya481@libero.it

Nessun commento

Leave a reply

NaturaGiusta - Essere in Evoluzione