Neruda – L’apprendista dell’Autunno

Ho sempre desiderato
essere apprendista dell’autunno,
essere parente piccolo
laborioso
meccanico d’altura,
galoppare per la terra
per ripartire
oro,
inutile oro.
Ma, domani,
autunno,
ti aiuterò affinché riscuotano
foglie d’oro
i poveri della strada.

Autunno, buon cavaliere,
galoppiamo,
prima che ci sorprenda
il nero inverno.
È duro
il nostro lungo lavoro.
Andiamo
a preparare la terra
e a insegnarle
ad essere madre,
a custodire le sementi
che nel suo ventre
dormiranno assistite
da due cavalieri rossi
che percorrono il mondo:
l’apprendista dell’autunno
e l’autunno.

Così, dalle radici
oscure e nascoste
potranno emergere ballando
la fragranza
e il velo verde della primavera.

Pablo Neruda

Acquista il Libro

Arabella

La mia pagina facebook: Remi di Luce

 

Nessun commento

Leave a reply

NaturaGiusta - Essere in Evoluzione