Ho consegnato il mio amore al fiume

Ti scrivo una lettera, perché so che la leggerai.
Ti piaceva scrivere lettere e ti piaceva riceverle.

Sceglievi con cura la carta, doveva essere spessa, ruvida e di un azzurro tenue come il cielo nuvoloso di fine estate.
E la penna doveva essere a punta fine con l’inchiostro blu come il cielo al crepuscolo, perché le lettere si scrivono quando qualcosa sta per finire, che sia una stagione o il giorno.

Cosa si può raccontare quando gli eventi debbono ancora accadere?

Ti voglio scrivere di quando ci siamo sedute sulla terra dura di luglio, a mangiare pane e pomodori ancora caldi di sole. E io ti guardavo rapita mentre mi insegnavi che le cose buone sono quelle semplici.

Eri diversa da qualsiasi persona avessi mai incontrato.
Silenziosa e lontana, mentre gli altri guardavano in basso, tu guardavi in alto.

Penso sia stato il cielo a colorare i tuoi occhi, dev’essere stato così perché lo guardavi come si guarda un amante e il cielo si è innamorato di te.

Volevo dirti che sto per andare via, ho salutato il mare e l’ho ringraziato, ho consegnato il mio amore al fiume e agli Spiriti del luogo. Ho riportato il Fuoco e l’Acqua alla Terra mentre soffiava il Vento, e ho lasciato quella bimba sola e triste a giocare con le fate del bosco. Sono libera, ora posso andare.

Se mi vedessi adesso forse non mi riconosceresti, o forse sì. Non è che sono cambiata, ma ho smesso di guardare in basso. Ora guardo in alto, come te.
Mi sono innamorata del Cielo e attendo che il Cielo s’innamori di me.

Se mi vedessi adesso mi chiederesti perché dovrei aspettare ciò che è già arrivato. Sicuramente mi guarderesti storto e metteresti su un po’ di musica dicendo che la vita è già abbastanza complicata.

Poi cominceresti a ballare ricordandomi che Dio ci ha dato il ballo per raggiungere il cielo anche senza volare, e poi canteresti scegliendo con cura parole d’amore dicendomi che il canto lo ascoltano gli Spiriti che guidano i nostri passi.

Messaggio della Runa Odal

 
Riconnessione ai talenti connaturati e portati in essere dal gioco infantile in tenera età, da interessi tenuti nascosti o coltivati in solitudine durante la fanciullezza e la pre-adolescenza.
Ricordi che aiutano la ricerca interiore.
Bisogno atavico di trovare la propria casa animica.
Che può essere un luogo vero e proprio, un’attività lavorativa-artistica, o l’incontro con uno o più individui affini tramite associazione, amicizia, o amore.

Enrica

Scopri il mio libro:
La Danza del Seme Selvaggio

Acquista il Libro

ENRICA ZERBIN, nata e cresciuta tra campagna, fiume e mare, dove ha scoperto la magia dei cicli lunari e appreso l’uso delle erbe medicamentose delle campagne, insieme agli antichi rituali legati alla Dea e agli elementi; eredità delle sue antenate.
Ricercatrice e studiosa di miti e leggende (con particolare interesse per l’antica saggezza nordica), della simbologia di varie culture, degli archetipi, del Sacro Femminile e della Grande Dea fino allo sciamanesimo.
Iniziata alle Rune tramite l’Elemento Acqua; aiuta con questo importante strumento a svolgere un profondo lavoro di lettura dell’ombra e delle memorie nascoste.

Nel dicembre del 2015 esordisce col suo primo romanzo, Tu Mi Hai Salvato La Vita, edito da Cinquemarzo: una storia sull’importanza degli avi e la saggezza degli anziani, dell’amore nato in circostanze impensabili e bizzarre sincronicità.
Nel 2019 esce il suo secondo libro, La Danza Del Seme Selvaggio, rocambolesco viaggio di due donne non più giovanissime che si trovano, loro malgrado, a dover stravolgere la loro vita e a lasciare la famigerata zona comfort.
Un iniziale dramma si trasforma, per Anthea e Miriam, in una straordinaria avventura tra i sentieri alpini, con la sola guida di una mappa disegnata da una misteriosa vecchia guaritrice.

Nelle sue opere al femminile, sottolinea l’importanza del viaggio, che sia mistico o fisico, per superare i limiti imposti da società e credenze sbagliate a cui la donna ha dovuto sottostare per secoli.

Segui il mio BLOG

Nessun commento

Leave a reply

NaturaGiusta - Essere in Evoluzione