Eckhart Tolle – Il Potere di Adesso

Cara Amica/o condivido questo video in cui il maestro spirituale Eckhart Tolle con la solita simpatia, pace e chiarezza spiega l’importanza di vivere il momento presente.

Nell’ambito spirituale esistono tante vie diverse e siamo sommersi da tantissime informazioni che possono portare ad una certa confusione ed a perdersi in mille fantasie e fughe dalla realtà che invece di risolvere i problemi li nascondono o li sviano.
Tutto il contrario di un  sano “lavoro esoterico” in cui con pazienza, calma, sobrietà e fatica si procede verso la conoscenza del nostro mondo interiore.

Tolle ci riporta all’essenza, elimina tutti gli orpelli inutili per lasciare spazio a ciò che alla fine conta davvero…

Quindi Buona Presenza e Vita Reale!

Qui sotto, il suo libro più famoso che mi sento di consigliarti con il cuore:

Acquista il Libro con Sconto 15%

Un Estratto dal libro:

Che cos’è l’illuminazione?

Un mendicante se ne stava seduto sul ciglio di una strada da più di trent’anni.
Un giorno un tale gli passò accanto.
“Hai qualche spicciolo?” mormorò il mendicante, tendendo meccanicamente il suo berretto da baseball.
“Non ho niente da darti” rispose lo sconosciuto.Poi chiese: “Su che cosa sei seduto?”.
“Non è niente” rispose il mendicante, “solo una vecchia scatola.
Ci sono seduto sopra da sempre.”
“Non hai mai guardato dentro?” chiese lo sconosciuto.
“No” rispose il mendicante. “A che pro? Tanto non c’è niente dentro.”
“Dacci un’occhiata” insistette lo sconosciuto.
Il mendicante riuscì a sollevare il coperchio e con meraviglia, incredulità e gioia vide che la scatola era piena d’oro.
Ecco, io sono quello sconosciuto che non ha niente da darti e che ti sprona a guardare dentro.
Non in una scatola, come in questa parabola, ma in un posto molto più vicino: dentro di te.
“Ma io non sono un mendicante” ti sento ribattere.

Coloro che non hanno ancora trovato la vera ricchezza, che è la gioia radiosa dell’Essere e la profonda pace incrollabile che ne deriva, sono mendicanti, anche se possiedono una grande ricchezza materiale. Cercano all’esterno brandelli di piacere o appagamento, conferme, sicurezza o amore, quando dentro di loro possiedono un tesoro che non solo comprende tutte queste cose, ma è infinitamente più grande di qualsiasi opportunità possa offrire il mondo.
La parola “illuminazione” evoca un’impresa sovrumana e all’ego piace pensare che sia così, ma essa rappresenta semplicemente lo stato naturale dell’unione percepita con l’Essere.
È una condizione di connessione con qualcosa di incommensurabile e indistruttibile, che quasi paradossalmente coincide con la tua essenza ma è anche molto più grande di te.
Significa scoprire la tua vera natura al di là del nome e della forma.
L’incapacità di avvertire questa comunione dà origine all’illusione della separazione da te stesso e dal mondo circostante.
A livello consapevole o inconsapevole, ti percepisci come un frammento isolato dal resto.
Nasce la paura, e i conflitti dentro e fuori di te diventano la normalità.
Mi piace molto la semplice definizione di illuminazione che dà il Budda:
“La fine della sofferenza.” Non c’è niente di sovrumano in questo, vero?

Naturalmente come definizione è incompleta perché ti dice solo che cosa non è l’illuminazione.
Ma che cosa resta quando non c’è più sofferenza?
Il Budda tace in proposito, e ciò significa che devi trovare da solo la risposta a questa domanda.
Egli usa una definizione negativa affinché la mente non possa trasformarla in un credo o in una impresa
sovrumana, un obiettivo impossibile da raggiungere.
Ciononostante la maggior parte dei buddisti ritiene che l’illuminazione attenga solo al Budda e non a loro, almeno in questa vita.”

 Video: Perledipace
Immagine di copertina: spiraglidiluce.org

Alessandro Castiglione il fondatore di naturagiusta insieme ad un amico , è da sempre interessato a tutte le visioni filosofico-spirituali del mondo, ispirato in particolare dall’incontro con Padre Anthony Elenjimittam ed il suo “eucumenismo cosmico“.

Ha gestito per anni nel centro di Genova, il negozio di arredamento etnico orientale, con libreria specializzata in tematiche spirituali, Unsolocielo.
Nello stesso periodo, dall’esperienza del negozio è nata l’associazione culturale ononima, che si occupava di promuovere e gestire attività olistiche a 360° sempre nel cuore di Genova.

In particolare ha approfondito lo studio e la pratica dello sciamanesimo tolteco tramandato da Carlos Castaneda, varie tradizioni gnostiche, il mondo orientale: yoga, taoismo, buddismo zen ed anche molti maestri moderni, come Rudolf Steiner ed Osho. 

Oltre a gestire naturagiusta, con cui vuole promuovere contenuti e prodotti positivi ed evolutivi, dopo un periodo trascorso nell’Ecovillaggio di Findhorn nella primavera del 2011, si è appassionato al mondo delle energie rinnovabili e pulite, di cui si occupa direttamente in Liguria come consulente di risparmio energetico.

Ama vivere e lavorare nella Natura.

Nessun commento

Leave a reply

NaturaGiusta - Essere in Evoluzione