Dalla Gratitudine alla Grazia

Oggi desidero appuntare qualche pensiero sulla gratitudine.

Per farlo, inizio dal suo significato corrente e comunemente assodato. L’autorevole vocabolario Treccani dà, fra le altre, la seguente definizione di gratitudine: “Sentimento e disposizione d’animo che comporta affetto verso chi ci ha fatto del bene, ricordo del beneficio ricevuto e desiderio di poterlo ricambiare”.
L’illustre Accademia della Crusca, nel lemmario della quinta edizione, giusto per risalire all’etimologia del termine, riporta questo passo dal Decamerone di Boccaccio (1,56): “La gratitudine, secondo che io credo, tra l’altre virtù, è sommamente da commendare, ed il contrario da biasimare”.

Uno “stato” interiore, dunque, estremamente positivo, da lodare e perseguire.
Ma cosa è veramente per ciascuno e come la si vive, quali le sfumature in cui si esprime?

Essa è indubbiamente “cosa” del cuore, di sua appartenenza e dominio, poiché nel cuore trova la sua collocazione naturale, dimorandovi. Lì si muove di moto composto e silenzioso e, se le circostanze lo permettono, apertamente gioioso.
Con l’animo di bimba, io stessa mi sorprendo quando appare bussando con impeto ed urgenza alla mia porta e se la indosso come un paio di occhiali, mi accorgo che le sue lenti colorano ogni cosa di meraviglia; pur tuttavia non filtra e non inganna, bensì rischiara mettendo tutto un po’ più a fuoco. La gratitudine è matura quando spontaneamente affiora, pronta per fiorire dopo il dolore di ieri e nonostante l’incognita del domani, e spesso lo fa con il mezzo del “grazie”. Grazie è una parola potente, oserei dire sciamanica, che apre molte porte e che rafforza i rituali e le opere magiche ancor prima di pronunciarle e di porle perciò in atto…

La mia gratitudine dell’oggi va alla terra che si è resa fertile, a mio padre che l’ha lavorata, al cavolfiore che è finito sulla mia tavola e mi ha permesso di consumare una pietanza. Grazie a me, che ho curato la preparazione ed al tempo di cottura che l’ha resa buona.
Grazie a quella risposta che aspettavo da tempo e che, una volta ricevuta, mi ha alleggerito di un peso.
Grazie corpo, che al mattino ti alzi e ti metti in movimento.
Grazie amore, che ti ricordi di me dipingendoti su ogni volto caro.
Grazie madre che mi ha dato alla vita, incoscientemente e priva di difese.
Grazie per esserlo due volte, madre, e mille e più volte ancora.
Grazie ispirazione che mi permetti di scrivere, di creare una luna gibbosa con una pasta modellante, di scendere in abissali profondità e in fantastici altri mondi quando leggo le carte.
Grazie amici vecchi e nuovi, o in procinto di arrivare.
E grazie, di vero cuore, universo tutto…

Grazie è un termine dal ricco campo semantico che, declinato al singolare, diventa “grazia”. Sempre secondo la Treccani, la grazia in prima istanza è: “Qualità naturale di tutto ciò che, per sua intima bellezza, delicatezza, spontaneità, finezza, leggiadria, o per l’armonica fusione di tutte queste doti, impressiona gradevolmente i sensi e lo spirito”.
La grazia trova una trattazione teologica di rilevante importanza nella Bibbia, sia nell’Antico che nel Nuovo Testamento, laddove è sinonimo di benevolenza (divina) che assolve dai peccati (!).
È sinonimo di dono e di accettazione: non c’è grazia, infatti, senza fiducia e senza accoglienza; essa è insieme perno e leva, attorno e oltre la quale si eleva la gratitudine.
Infine, chi è grato si “fa” gratitudine, compiendo così un incorruttibile cammino di giustizia, altra virtù-cardine dello spirito che bilancia correttamente il dare con il ricevere in un armonico e magico fluire.
Miria

Se senti il forte richiamo della volta celeste, il dolce sussurro delle stelle, l’eterno suono del firmamento…
Mapperò il tuo tema natale astrologico e converseremo, insieme, con le energie planetarie.
Oppure, con i Tarocchi e altri tipi di carte, sonderemo la realtà visibile ed ordinaria oppure l’oltre, invisibile e straordinario.

Scrivimi qui: miria.tondi@gmail.com 

Miria Tondi

Donna di luce e d’ombra, sono studiosa e ricercatrice del sé, del simbolismo, degli archetipi e delle arti magiche da 25 anni. Leggo i Tarocchi, il Tema Natale Astrologico e altri tipi di carte decodificandone il linguaggio arcano e sollevando il velo sul sapere ancestrale contenuto in queste discipline.

Alle letture abbino la pratica del tamburo sciamanico.
Ho scritto articoli per una rubrica di arte esoterica e tuttora scrivo sul femminile secondo una prospettiva mitica, antropologica e comportamentale.
Amo molto i bambini, ho lavorato come insegnante di scuola primaria, di infanzia e di sostegno.
Sempre in qualità di docente ho co-condotto corsi di meditazione.

Il mio Blog

La mia pagina Facebook

Tags:

Nessun commento

Leave a reply

NaturaGiusta - Essere in Evoluzione