Beltane: confessioni di una notte erotica

I miei capelli sono sciolti,
il mio corpo nudo e bagnato,
le mie mani in fiamme
e le ceneri come piume cadono a terra
nel tentativo di spegnere le parole che mi bruciano dentro.

Quanta acqua santa scende sul mio corpo,
affonda dentro di me.
Nasco e mi reincarno ancora,
la sacra fragranza si dissipa tra le mie gambe.

Canti, preghiere, mi tocco le labbra:
piove l’odore di mirra e si mescola con il calore del mio cuore
e le mani scorrono giù per tutto il corpo…

Quella lingua di luna argentata mi stava leccando,
e io strisciavo come un animale ubriaca e solitaria.
Sono tutta per il mio selvaggio amore.La febbre di Beltane, sale su di me:
così sensuale il trascinarsi sulla terra bagnata e profumata,
sono destinata a quel lamento d’estasi, tra delicato e spinoso.

Sei il mio Re in nome del piacere animale, tra delizie e profumi.
Quanta poesia in questi inni, quanto respiro nel mio corpo
dove ogni ramo germoglia tra esaltazione e radici assetate.

Nell’ora delle streghe, pregerò per la tua carne, oh mio Re
e per ogni tuo respiro erotico, che diventi una tempesta estiva.

Qui sono sposa del proibito,
sull’altare pagano nella più antiche devozioni,
in quella preghiera senza parole.

Sono l’incantesimo vivente,
con le labbra bagnate di te, o mio Re,
cruda e affilata sono pronta alla resa.

Io ti sogno, tu mi sogni,
muoio nel mare primordiale di quell’anelito perpetuo e danzante.
Vivo in tutto e sono ovunque tra pelle, tamburo e canzoni incessanti.

Le mie costole, il mio seno accarezzano il muschio umido
e vado verso le ombre sottili per immergermi in quell’incendio.
Li i miei occhi sanno di offerta…
poco prima che sorga il sole arrogante il sangue bollente si trasformerà in lava.

Mio Re, mio antico amante, mi inghiottirai e diventerò la santa memoria di questo amore erotico
nella notte di Beltane…


Con amore e devozione, 
Buona Festa dell’Amore!

Carla

Dichiarazione d’amore n.56 Deimon Ispiratore

Scopri il mio libro: “Canti e Incanti”:

Scopri il Libro

© Naturagiusta 2019. Tutti i diritti riservati

Carla Babudri ha inizialmente studiato le Astrologiche Classiche e in seguito approfondito la corrente umanistica/psicologica integrando gli studi legati al Karma.

Nel 2004 decide di studiare astrologia e ad approfondire  argomenti spirituali indirizzandosi verso il Culto della Dea creando l’Arche – astrologia  che la vede coinvolta in una ricerca di consapevolezza sempre più profonda, diventando cosi un counselor Astrologico, centrato sul mondo della Psicologia degli archetipi.

Nel 2008 completa gli studi di Astrologia Karmica con il Maestro Karun, maestro italo/indiano di astrologia Indiana, astrologia tibetana.

Nel 2009 incomincia la sua ricerca su Ofiuco e inizia il suo libro sul tredicesimo segno.

Nel 2010 diventa operatore di Theta Healing;

Nel 2010 intraprende i suoi studi nel mondo Tantrico/Taoistico, accedendo cosi ai sacri misteri del Sacro Femminile- Sacro Maschile

Nel 2017 crea e fonda il Tempio di Jada, una visione nuova sul sacro femminile e sacro maschile, tutto ripreso dagli studi e dalla esperienza con il mondo taoistico/tantrico.

Ha pubblicato due libri di poesie incentrate sul percorso di crescita individuale e la scoperta del sé.

Conduce gruppi di meditazioni e visualizzazioni guidate verso il potenziale Femminile e armonizzazione con i cicli naturali di Madre Terra, seguendo la corrente filosofica della “Cammino della Dea”.
Amante della fotografia. Ha scritto articoli per la rivista L’iniziazione e per diversi blog.

MAGGIORI INFO: www.storiadiunapoesia.it  –  www.iltempiodijada.it

Nessun commento

Leave a reply

NaturaGiusta - Essere in Evoluzione