Quando senti dentro…

Quando riesci a seguire la leggera vibrazione che scuote lì dentro, vicino alla pancia, subito, come in un sospiro leggero, che ti sembra di perderla.
Svanisce trasparente, così ti chiedi se l’hai sentita veramente oppure no.

Sapere che abbiamo “sentito” veramente e riuscire a prolungare un po’ quella sensazione almeno finché non riusciamo a percepire ciò che provoca nel corpo, dove si localizza, quale emozioni colleghiamo non solo è utile, ma necessario.

Ci vuole allenamento, ma non solo, ci vuole una buona dose di fiducia nel nostro sentire, perché quello che accade è che il nostro pensiero logico, che tanto si vanta di averci tenuti al sicuro, prende sempre il comando del timone vira e ci riporta a razionalizzare.

Ci si può allenare certo, però è necessario farlo nel modo giusto, come in una ricetta è questione di proporzioni. La giusta dose di pensiero assieme alla giusta dose di azione, unita con la giusta dose di “corpo”.

Come dire non può essere soltanto un esercizio mentale o fisico!!

Non è affatto una cosa astratta come siamo abituati a pensare anzi, si tratta di praticarla e più si fa, più si diventa consapevoli di ciò che sentiamo e viviamo.

Quella che viene comunemente chiamata intuizione, è un dialogo chiaro con la nostra parte autentica che è sempre presente e che può rivelarsi particolarmente utile soprattutto in quei casi in cui la luce si affievolisce.

Di solito quando le cose vanno splendidamente non ci facciamo caso che quella parte, quella vera di noi, è sempre lì, e se lo facessimo vivremmo appieno le situazioni gioiose quasi fino a commuoverci tanto intensamente le abbiamo percepite, perché a quel punto anche tutto il corpo ne sarebbe coinvolto.

Mente e corpo in sostanza vengono percepite come due cose distinte, o meglio, separate invece fanno parte di un tutto, composto da mente-corpo-spirito intendendo con spirito la parte energetica vibrazionale che ci compone. Hanno uguale importanza e insieme si occupano di noi e ci compongono.

Come in una formula magica; ci vuole l’oggetto magico ed il nostro corpo che può adoperarlo, ci vuole il pensiero un incanto, una dichiarazione e per finire l’intenzione guidata dall’amore.

Senza uno di questi tre ingredienti non funziona e torneremo a scegliere, vivere convincendoci di aver capito in modo razionale che cosa sia l’eco di una capacità dimenticata.

Quindi siamo un grande e stupendo incanto e riusciamo ad esprimerci in luce totalmente e sinceramente quando utilizziamo tutte e tre le parti che ci rendono ciò che siamo.

Vania

Vania Zanonato

Operatrice shiatsu professionale, educatrice, insegnante di massaggio al bambino.

Ero sempre alla ricerca di qualcosa….
Lo trovai così, lo shiatsu, attraverso un volantino colorato trovato per caso in un negozio.
Ricordo ancora quelle sere passate in una bellissima mansarda profumata d’incenso, alla luce del crepuscolo rischiarata da candele danzanti, ricordo che lì successe qualcosa, mi innamorai perdutamente dello shiatsu mentre la mia anima cercava in tutti i modi di farmi capire che era ciò che avrei dovuto fare.

In quel periodo lavoravo come educatrice d’infanzia. Nonostante fosse un lavoro che avevo desiderato intensamente e che mi aveva permesso di approfondire la mia conoscenza sull’infanzia; il modo di giocare; di apprendere; di imparare, di sentire, non era ancora abbastanza.

Fu grazie alla scuola internazionale di shiatsu, dove iniziai ad imparare la fisiologia e anatomia umana, medicina tradizionale cinese, la valutazione ed il riequilibrio energetico ecc., che il mio modo di pormi con i bambini, di guardarli e di relazionarmi con le persone, cambiò.

Iniziai ad apprezzare la singolarità delle persone, i talenti e le potenzialità che le rende uniche.
Il desiderio di cambiare vita cresceva sempre di più. Non volevo “semplicemente” cambiare lavoro ma volevo rimettermi in gioco.
Con la nascita dei miei figli però il mio mondo si capovolse. All’improvviso, sembrava che tutto ciò che avevo imparato e che conoscevo fosse scomparso dalla mia memoria. Non ricordavo nulla.
Piano piano raccolsi i pezzi e cercai di dare un nuovo senso a tutto ciò che allora rappresentava la mia nuova realtà.
Feci pratica sul campo con i miei figli, sperimentai, misi in dubbio molti dei concetti che credevo veri e praticabili. Arrivai a un punto di rottura così profondo da mettere in dubbio chi ero, il mio lavoro e le mie passioni. Rispolverai ciò in cui credevo davvero, l’onestà, la passione per ciò che si fa, la riverenza ed il rispetto che provavo di fronte ad un altro essere umano, l’intenzione di fare il bene, sempre.
Ora, dopo dodici anni di esperienza come educatrice d’infanzia 0/3 anni, lavoro come operatrice shiatsu qualificata e insegnante di massaggio al bambino.
Attraverso lo shiatsu, il massaggio al bambino e alla mia pluriennale esperienza nel mondo dell’educazione, insegno alle mamme un diverso modo di comunicare con i loro piccoli e le aiuto a ritrovare l’armonia con sé stesse e l’equilibrio di corpo-mente-spirito, favorendo l’attenuazione di stress, ansia e insonnia.

Il mio SITO

La mia pagina Facebook: Casa Shiatsu

La mia email: anya481@libero.it

Nessun commento

Leave a reply

NaturaGiusta - Essere in Evoluzione