Madre madri figlia figlie

Oggi festa della mamma, voglio condurti su un’altra sponda di riflessione.

A tutto quello che non diciamo apertamente sull’essere madre e sull’essere figlia. Ai dolori inconfessati, i vuoti di non amore, le ferite e i rancori da lasciar andare. I ganci portati dietro negli anni, quei vuoti di madri mancate, di figlie arrabbiate, di femminile interrotto.

A come, dentro un amore infinito, possiamo portare avanti messaggi mortiferi e mortificanti, in nome di un lo faccio per te, in nome di un con tutto quello che ho fatto per te, di un così mi uccidi, io che vivo per te.

Oggi voglio da questi spunti aprire una riflessione sull’essere autenticamente madre e figlia.

Una madre nel cui grembo abiterà per sempre il proprio figlio e figlia, ma che in questo infinito abbraccio saprà esserci sempre e lasciar andare.

I figli non sono nostri. Come madre terra non ci appartiene.

Cooperiamo con l’universo ( o chi per lui, anche fosse soltanto e semplicemente per l’individuo) per traghettare qui su questa terra e nella vita, un figlio e una figlia, dovremmo riuscire a dare loro quelle basi sicure perché poi possa essere ingrado di andare via, per la sua strada, salutandoci e andando.

Un figlio non viene al mondo per compensare le nostre mancanze, i nostri vuoti di amore, ma per evolvere nella sua vita e trovare la sua unica strada.

Essere madre allora assume altro significato e altro spazio, di Libertà.

Spazio di nutrimento perché un figlio possa poi volare via, a dare, a sua volta il contributo per cui è chiamato ad essere.

Ti ricordo madre e ti onoro oggi per la parte che tu hai compiuto in questa mia vita, comprendo i tuoi errori, li vedo, te li riconsegno a te per la donna che sei, ti restituisco le ferite che mi hai provocato, i tuoi sbagli e l’amore che non mi hai dato.
Le volte che non mi hai visto, non mi hai amato, non hai voluto vedere me, ma vedere solo il tuo bisogno su di me, per le volte che mi hai voluta controllare, farmi assomigliare a te.
Ti riconsegno i sensi di colpa e tutti quei ricatti di amore che non mi appartengono, ti consegno le tue aspettative e il tuo bisogno di vivere la mia vita.
Ti riconsegno le paure, i dubbi, la diffidenza, perché non mi appartiene.

Mi riprendo me stessa e il mio diritto alla gioia e al successo alla vita e all’amore. Riconosco il tuo amore e sono grata per avermi condotta in questo mondo. Grazie mamma, ti vedo ti riconosco ti onoro e ora percorro la mia strada.

Dammi la forza di essere madre di me stessa, in libertà e amorevolezza.

Per riuscire ad accompagnare quella bambina sola e persa che ha cercato per tutta la vita quella madre che la conducesse nel mondo, come un mondo pieno di amore per lei.

D’ora in poi sono io che mi vedrò dove tu non mi hai vista. Sono io che mi amerò dove tu hai visto mancanze ed errori.

Lascio andare il rancore verso di te, so che hai fatto quello che era possbile per te, per la donna che eri e per la madre che hai avuto. Ora ti vedo e ti comprendo. E sano la stirpe delle madri venute prima di me, nel momento in cui scelgo di diventare madre di me stessa.

Non cerco più di essere gisutificata da te nel mio diritto di nascita, di vita e di amore.
Faccio pace con la donna che sei.

Mi ri-prendo il diritto di essere io. Ti consegno la tua parte.

Ritorno a te nell’amore e compio da adesso la mia strada.

Le mie madri mi sostengono, mi ricongiungo a loro e mi accingo a vivere il mio essere figlia e madre nella libertà del mio essere donna.

Con questa mia dichiarazione rompo la catena che mi lega alle madri venute prima di me, quella catena di giudizi, ricatti, misconoscimenti e sensi di colpa tramandata di madre in figlia. Scelgo oggi di occupare il mio posto e di diventare madre di me stessa.
Da questo nuovo posto di me posso adesso incontrarti  e vederti in chi sei, davanti a te e poter compiere il mio progetto di vita.

Un abbraccio
Roberta

Scopri il mio Libro
Potente come un canto

Acquista il libro

Edizioni Unsolocielo 2018-20. © Tutti i diritti riservati

Ciao! Sono Roberta. Sono un coach. Il mio coaching è diverso, è wild!
Non sono sono un coach nel senso classico del termine. Non lavoro per la performance e l’apparenza, per il successo fine a se stesso, per la perfezione, dove quello che conta di più è vincere e sovrastare, apparire più che essere.

Aiuto principalmente le donne a ritrovare il loro unico potere femminile, messo da parte, nascosto e diminuito. Per educazione ricevuta, amori sbagliati, doveri. Ti aiuto a dire SI a chi sei, con i tuoi talenti ed il tuo potere. Ti aiuto a dire no a giudizi, sensi di colpa e paure. NO a mancanza di autostima, vergogna e ricatti affettivi. NO al rinunciare ai tuoi sogni, ad accontentarti, per paura di non essere amata e abbandonata.
Ti aiuterò piuttosto ad essere te stessa, nella tua autenticità e quindi nel massimo di chi sei. In tutto il tuo Valore.

Aiuto infatti prevalentemente le donne:
– che vogliono scoprire come portare nelle loro vite i loro talenti e che vogliono vivere una vita in accordo con la propria anima e in autenticità
– che hanno bisogno di ricominciare, di dare maggiore valore a se stesse, di rimettere in sesto le loro vite

Sono wild. Ribelle e anticonformista. In me vive il fuoco della donna selvaggia. Quel fuoco ancestrale e pulsante che abita in ogni donna.
Sono un’entusiasta, so che cosa significa avere le ali tarpate o mozzate. Ti aiuto a non permettere che ti vengano più tagliate, ma a farle volare.
Wild è l’anima che si fa vita, libera da omologazioni, giudizi e condizionamenti.È poter vivere secondo quel fuoco antico e ancestrale che ci abita.

Non vado tanto per il sottile, ma dritta al punto: amo provocare, con rispetto e amore, per tirarti fuori da quella zona di comfort che non ti permette di scoprire le tue grandi potenzialità e di raggiungere la tua gioia. Della serie “poche palle, smettila di raccontartela, lascia andare i drammi inutili e diventa chi sei“.
Sono ironica, è una delle mie caratteristiche che amo usare come strumento di cambiamento e di alleggerimento.
Laureata in filosofia, ho un dottorato di ricerca in bioetica e due master in counseling e coaching gestaltico. Da più di 15 anni, con il counseling e il coaching, aiuto le persone a migliorare le loro vite.

Se vuoi scoprire di più su di me, visita il mio sito: www.robertabailo.com

Potrai ricevere i miei regali di coaching: un percorso gratuito sul potere personale, liberamente ispirato al mio libro omonimo: “I primi tre passi nel tuo potere“” e “Le 5 domande wild per potenziare il tuo femminile“. Clicca qui

Sito: www.robertabailo.com

Pagina facebook : Roberta Bailo wildcoach

Nessun commento

Leave a reply

NaturaGiusta - Essere in Evoluzione