L’unico dovere che hai è Amarti

Devi innamorarti di te, di quel te piccolo, così umano, limitato, finito.
Devi innamorarti delle sue contraddizioni, delle sue paure, fragilità.
Non esiste mai nessun “devi”, ma questo si.
È l’unico dovere che hai, non puoi procedere senza.

È tornato a trovarti in questi giorni, vero?
Si aggira con il volto scuro e vuole farti credere che sei ancora lì, di nuovo, con le stesse paure, le stesse situazioni, le stesse emozioni.Ma non è vero e lo sai.
Non sei quello e lo sa anche lui.
È tornato soltanto per consentirti di guardarlo bene, ancora meglio, e innamorarti ancora di più.
Non è facile comprendere cosa significhi amarsi, vero?
Devi prima conoscerti, per poterti amare.
Ma tu ti conosci?
Cosa sai di te?
Lo sai chi sei?
Intendo davvero.
Lo sai cosa c’è nascosto dentro il tuo cuore?
Forse non lo sai neanche…
Lo sai cosa sta coprendo quello che c’è?
Lo sai da quanto tempo qualcuno sta aspettando che tu veda?
Che cosa c’è veramente dentro di te?
Cosa ti muove? Cosa desideri? Dove stai andando? Cosa cerchi? Cosa ti blocca? Qual è il tuo vero sogno?

Le risposte le ha quella parte di te cosi piccola.
Quella che rinneghi.
Quella che giudichi.
Quella che rifiuti.
Quella che continui a silenziare.
Non ti piaci in quel modo.
Ma tu sei proprio quello.
Sei quel te così piccolo che da sempre si è assunto tutti i tuoi carichi, portandoli con sè e aspettando che tu li veda e ti accorga di quanto sei grande.
Il segreto è vedere quanta grandezza si cela in quelle che giudichi debolezze.

Vorresti essere soltanto splendore, immensità e grandezza…ma hai mai provato gratitudine per la tua parte umana?
Ti sei mai fermato ad accorgerti della sua fatica? Del suo dolore? Della sua solitudine?
Riesci a comprendere quanta forza sia celata sotto quella apparente fragilità?

Lei torna a farsi vedere, per darti la misura della tua grandezza.
Per farti vedere da dove parti e dove arrivi.
Quanto ti è costato il tuo sorriso?
Quanto piccolo hai dovuto credere di essere, per scoprirti così grande?
Da quanti limiti sei stato stretto, per poter giungere a vedere che l’infinito è a un passo da te? In te?

Allora non temerla quella parte ombrosa.
Ti sta chiedendo di guardarti bene e di celebrarti.
Hai mai celebrato il tuo cammino?
Se lo fai, puoi ritrovarti ad essere davvero innamorato di te stesso e non dovrai più chiederti che cosa significhi.
Sentirai un’onda calda che sgorga dal tuo petto e ti inonda.
Incontrerai anche quella sconosciuta, la compassione.
Per te stesso e per chi ti ha fatto giungere qui.
Per le persone e le situazioni che ti hanno ferito, trattenuto, giudicato, ostacolato, rinnegato, maltrattato.
Li amerai tutti, amerai tutto.
Perché senza quei tasselli non saresti giunto a
vedere e a sentire l’amore, che è presente ovunque e ovunque si rivela.

Vittoria

Per info su consulti, letture e percorsi, contattami QUI

Scopri il mio libro:
 “25 come Picasso 21 come DioScopri Subito il Libro

© Naturagiusta 2019-20. Tutti i diritti riservati

Vittoria Cucciarrè

Avvocato fuori, ricercatrice dentro.
Il mio percorso di crescita personale e spirituale non è iniziato per mia scelta, è stato lui a scegliere me.
Non sono titolata, non ho frequentato corsi, non ho verità da rivelare.
Sono una persona curiosa, che ama ricercare, indagare, scoprire e farsi ancora domande.
Anzi, prima di amarlo, questo è quello che sono.
Non so nemmeno io dove sto andando, dove e se arriverò, non so neanche più se sto cercando qualcosa di definito.
Ma so che è quello che mi piace, che mi fa stare bene e che ha rivoluzionato e migliorato la mia vita.

Segui la pagina facebook: Ponti con l’invisibile

Contatti: veranikatraanimaedego@gmail.com

Nessun commento

Leave a reply

NaturaGiusta - Essere in Evoluzione