Bellachioma – La Fanciulla Scudo e il Sublime Mistero

Si narra di un amore, si narra della leggenda ad esso legata.

Harald era il suo nome, e fiero lui lo faceva echeggiare dalla Scozia alla Norvegia, valoroso e indomito come il vento del Nord, la sua terra.
Re di eroiche gesta, nulla gli fu negato, tranne un amore.
Gyda era il suo nome, bella quanto ambiziosa; Harald non era abbastanza ricco e potente per lei:
«Re di tutta la Norvegia dovrai diventare, se la mia mano e la mia verginità vorrai meritare!» disse a gran voce senza esitazione.

Ella non sapeva, o forse ben intuiva, che l’aitante eroe non aspettava altro.
Una sfida, un’opportunità. Con uno scopo e un obiettivo, quanto grande poteva diventare?
Cosa accese il fuoco di Harald? L’amore per Gyda?
O la possibilità di essere più di sé stesso, di superarsi, di conoscere i suoi limiti e lasciarli indietro insieme al suo stato ormai obsoleto?

Affinché la trasformazione fosse completa, fece una promessa: «Non taglierò, né pettinerò i miei capelli finché il mio nome non sarà scritto sulla terra di Norvegia!»

Fu così che venne chiamato Harald Bellachioma.
Le sue avventure, le conquiste, le battaglie vinte e la sua lealtà nella lotta, fecero di lui un mito immortale.
Tra gli Scaldi che fieri e fedeli narravano le sue prodezze, c’era una donna, una poetessa.
Scaldo in norreno antico significa: suono, voce.
E Jòrunn divenne quella voce fuori dal coro che fu in grado di vedere oltre il personaggio.
Un mistero aleggia da secoli nei poemi di Jòrunn; detta fanciulla scudo e cioè guerriera, la quale rimase accanto a re Harald, elogiandone nell’opera intitolata Sendibìtr: “messaggio che morde”, il cuore da eroe giusto del re Bellachioma.
Nessuno scoprì mai quale fosse il messaggio, nessuno colse nelle occulte e controverse Kenning, il segreto celato nel suono di quella voce di donna Scaldo.
Forse fu questo il vero amore?
Non si sa, ma mi permetto di esaltare tale leggenda, scoprendo nella trama intricata e bellicosa, la possibilità di superare l’io conosciuto con l’amore come ideale.

E se l’amore fosse solo il mezzo per superare sé stessi e migliorarsi?

E se alla fine, oltre al tormento dolce amaro di questo sentimento così esaltato da poeti e cantori dalla primeva alba, ci fosse solo la sfida di rompere le catene che ci legano a un “io” da cui ci dobbiamo liberare?

A voi la scoperta del sublime mistero.

Enrica

Scopri il mio libro: “Tu mi hai salvato la vita”

Scopri il mio libro

ENRICA ZERBIN nasce il 1 ottobre del 1973 a Adria (Rovigo) tra campagna, mare e il delta del fiume Po. Figlia di pescatori e agricoltori i quali le hanno insegnato il rispetto per la natura, i suoi cicli e, contemporaneamente , il rispetto verso le persone.
Nel dicembre del 2015 esordisce col suo primo romanzo: Tu mi hai salvato la Vita, edito da Cinquemarzo: una storia sull’importanza degli avi e la saggezza degli anziani, dell’amore nato in circostanze impensabili, ma soprattutto una narrazione capace di sensibilizzare sull’importanza della donazione del midollo.
Tra il 2016 e 2017 vince alcuni piccoli concorsi letterari con i racconti brevi: Mister Green Hat, I racconti del Fiume e ll Signor Senza Nome, storie sul cambiamento e sull’incontro col proprio Sé. Ricercatrice e studiosa del mito greco e norreno, della simbologia di varie culture, degli archetipi, del femminile sacro e della Grande Dea fino allo sciamanesimo.
Si interessa ai tarocchi e alle rune come strumento di indagine interiore.
Femminista attiva sulle pari opportunità, e sulla sensibilizzazione necessaria al problema della violenza.
Con questo intento ha scritto un importante articolo per l’associazione UDI di Ferrara intervistando una donna Nigeriana, per raccontare l’orrore del suo viaggio; dalla Nigeria, lungo il deserto del Ciad, l’orrore libico fino al suo arrivo in Sicilia.
A breve uscirà la sua seconda opera: “La Danza Del Seme Selvaggio”, avventurosa storia di due donne in viaggio tra boschi di montagna, con la sola guida di una mappa disegnata da una vecchia strega.
Nelle sue opere al femminile, sottolinea l’importanza del viaggio, che sia mistico o fisico per superare i limiti imposti da società e credenze sbagliate a cui la donna ha dovuto sottostare per secoli.
“Le storie sono ovunque. Il vento, poi, le soffia nei pensieri. Vorrei librarmi in volo per afferrarle e poterle raccontare.”

Nessun commento

Leave a reply

NaturaGiusta - Essere in Evoluzione