Angeli e Diavoli – le Ali della Consapevolezza

Ti sei mai chiesto cosa rappresentano le ali da un punto di vista simbolico?

Perché, nella storia,  si sono sempre raffigurati gli Angeli, messaggeri della luce, come degli uomini o donne belli con delle bianche e candide ali?
Perché, anche se non sempre,  anche per i Diavoli, messaggeri delle tenebre, sono previste delle Ali, di colore nero e magari provviste di qualche artiglio?

Le Ali rappresentano, secondo me, una cosa ben precisa: La Consapevolezza

Senza entrare in un complesso lavoro filosofico, ti propongo velocemente l’essenza dell’insight che mi è arrivato,  su cui, volendo, puoi meditare e riflettere.

Le ali rappresentano lo strumento naturale (non artificiale!) con cui è possibile volare in cielo.

Volare in cielo permette di vedere le cose dall’alto, e dall’alto è possibile vedere più realtà, allungare il proprio sguardo su un orizzonti più ampi.

La consapevolezza è giustamente associata al concetto di esperienza.
Sono proprio le esperienze della vita che la alimentano.

Per chi crede in una sola vita, è quella che si accumula in questa, più una parte innata, per alcuni  legata alla genetica, tramandataci dai nostri genitori ed antenati.

Per chi crede in più vite, la parte innata assume un carattere più complesso e  spirituale, dove gran parte della consapevolezza innata appartiene a precedenti incarnazioni ed esperienze vissute dall’anima della persona.

In ogni caso la consapevolezza è esperienza e la sua qualità è quella di farci vedere più chiaramente le situazioni e le cose in quanto vissute prima, in prima persona.

In estrema sintesi, si potrebbe dire che la consapevolezza cresce ed aumenta con l’esperienza e ci permette di vedere con maggiore chiarezza la Vita.

Quindi sia gli Angeli che i Diavoli possiedono le ali della consapevolezza,  quindi una maggiore esperienza di Vita, conoscono più verità ed hanno un perimetro cognitivo molto più ampio.

Da quel punto di vista sono molto simili. Almeno la simbologia sembra parlarci così…

Cosa cambia?

Certo…il colore delle Ali!

Perché gli Angeli hanno le ali bianche ed i Diavoli invece nere?

Senza aprire altre finestre di riflessione, dico solo che entrambi, volando, sono più vicini al SOLE, il simbolo della conoscenza divina.
Secondo Rudolf Steiner, dal Sole, grazie ai suoi raggi, oltre la vita fisica, viene donata al pianeta ed a noi uomini, l’Intelligenza, non è un caso che quando si pensa una bella idea si associa la stessa ad una luce, nei nostri tempi ad una lampadina accesa…..beh, il Sole è la superlampadina che ci illumina tutti regalandoci vita e conoscenza.

Sia gli Angeli che i Diavoli, volando nel cielo, riescono ad “intercettarla” prima, grazie alla loro maggiore consapevolezza, ma mentre gli angeli si fanno attraversare dalla luce del logos solare, lasciandola passare a beneficio di tutti,  i Diavoli, al contrario, la vogliono trattenere per sé, negandola il più possibile agli altri.

Come lo stesso significato della parola con cui sono chiamati indica (dal greco: dia= attraverso ballo= metto) si mettono in mezzo, volendo trattenere il più possibile per sè, separandola dagli altri, la luce divina.

In questo modo le ali da bianche si “abbronzano” e diventano nere, per assorbire e “non far vedere”, quindi appunto per dividere.

L’Angelo, in armonia con l’intento del Sole, diviene suo “messaggero” ed utilizza la sua maggiore consapevolezza per aiutare l’evoluzione di tutti, il Diavolo, intercetta la stessa luce ma per aumentare solamente il proprio potere personale e quindi per dominare gli altri…

Anche i Diavoli hanno le ali, quindi una maggiore consapevolezza, ma le usano per fini egoistici e non di comune evoluzione cosmica.

Morale della favola:

se ami la luce e vuoi evolverti in lei, inizia a condividere…
lascia perdere tutti i cammini elitari..
ricorda che l’Angelo collegato al Sole è l’Arcangelo Michele,
il cui nome significa: “Chi è come Dio?”

 

Pace ed Amore

Alessandro

Immagine di Copertina: neovitruvian.wordpress.com

Alessandro Castiglione il fondatore di naturagiusta insieme ad un amico , è da sempre interessato a tutte le visioni filosofico-spirituali del mondo, ispirato in particolare dall’incontro con Padre Anthony Elenjimittam ed il suo “eucumenismo cosmico“.

Ha gestito per anni nel centro di Genova, il negozio di arredamento etnico orientale, con libreria specializzata in tematiche spirituali, Unsolocielo.
Nello stesso periodo, dall’esperienza del negozio è nata l’associazione culturale ononima, che si occupava di promuovere e gestire attività olistiche a 360° sempre nel cuore di Genova.

In particolare ha approfondito lo studio e la pratica dello sciamanesimo tolteco tramandato da Carlos Castaneda, varie tradizioni gnostiche, il mondo orientale: yoga, taoismo, buddismo zen ed anche molti maestri moderni, come Rudolf Steiner ed Osho. 

Oltre a gestire naturagiusta, con cui vuole promuovere contenuti e prodotti positivi ed evolutivi, dopo un periodo trascorso nell’Ecovillaggio di Findhorn nella primavera del 2011, si è appassionato al mondo delle energie rinnovabili e pulite, di cui si occupa direttamente in Liguria come consulente di risparmio energetico.

Ama vivere e lavorare nella Natura.

Nessun commento

Leave a reply

NaturaGiusta - Essere in Evoluzione