Ti Ordino di Essere Spontaneo…

Le emozioni sono belle tutte.

Sono stata abituata a reprimere certe emozioni e alla fine, esercizio dopo esercizio, in certi momenti, quasi tutte…

Soprattutto nell’infanzia ho introiettato regole e dogmi su quali emozioni fossero socialmente accettabili e quali no.

Non urlare di gioia, non saltare di entusiasmo, non alzare la voce se hai appena avuto un improvviso insight che ti fa vibrare, non puoi ridere in pubblico così tanto da piangere…non sta bene. Non puoi essere così felice, che motivo c’è. Sempre lo sguardo corvo sulla spalla che diceva – questo va bene, questo no, non puoi…

Uno slancio improvviso di affetto…ma perché?

Non essere così arrabbiata…

E dulcis in fundo! Non è vero quello che provi, non è vero…

Come se dovesse sempre esserci un motivo valido per provare emozioni.

Chi non ha mai vissuto una situazione del genere?

E alla fine ti sei convinto che quella sbagliato sei tu…che ci sono emozioni che puoi vivere ed altre che devi cacciare giù giù in fondo in fondo fino ad arrivare a non permetterti più di sentirle e tantomeno di farle vedere.

Anche tu hai sicuramente un elenco di emozioni buone e di emozioni cattive queste sì, queste no. Non posso provare questo, non posso sentirmi così, dovrei invece…

Eppure le emozioni non sono né buone né cattive, SONO.

Non puoi decidere tu che cosa provare. Arrivano a te. E chiedono solo di vivere, di fare il loro tempo e di donarti qualcosa. (Puoi poi scegliere cosa farne, ma questa è un’altra storia…)

Anestetizzati, tutti tranquilli, con le vibrazioni sempre statiche, con concessi alcuni picchi qua e là…rischiamo di perderci i colori, gli innamoramenti, quelle scintille che ti fanno alzare la mattina, e che ti rendono la giornata felice di essere vissuta, insomma la vita.

Perché anche la rabbia, il disgusto, la noia, il fastidio, l’allegria sfrenata, l’ebbrezza, l’entusiasmo hanno diritto di cittadinanza nel tuo mondo…non cacciarli nel regno dell’assenza…

Lasciale arrivare a te, datti il permesso di provare quello che provi nel momento in cui lo provi… Senza se e senza ma.

Se non sei abituato inizia a farlo nel segreto del tuo cuore.

Stai qui ed ora. Lascia che l’emozione viva in te, lasciale il tempo di espandersi nel tuo corpo e che giunga a dirti il suo nome. Respiraci dentro. Fidati, parla di te.

Quando si sarà espansa in tutto il suo spessore ti avrà regalato un nuovo colore di te.

Roberta

Roberta Bailo
Sono un coach. Un wild coach della ribellione.
Aiuto le persone a scoprire le loro energie nascoste.
Per me essere wild significa scoprire e riscoprire la propria vera essenza e portarla nel mondo.

Wild è ritornare ai propri cicli naturali in armonia con la natura e le sue forze potenti. Wild è riscoprire la propria energia, il proprio potere e portarlo nel mondo. Wild è accedere alla propria saggezza ancestrale. Wild è anima.

Ribellione è diventato il mio mantra, ma non nel senso di andare per forza contro corrente, da outsider, ma nel senso più profondo di essere pienamente se stessi.
Ribellarsi quindi a tutto quello che impedisce il bellissimo percorso di trasformazione che è vivere.

A volte ribellarsi persino a se stessi, se questo non porta ad un di più di sé. Tradire a volte, se necessario, tradire anche idee su di noi. Stare nelle contraddizioni.
Da sempre in cammino di ricerca, ho trovato in questo mio modo di fare coaching il contributo che posso essere per il mondo, che corrisponde alla mia energia e al mio potere.

Sono felice quando, nell’incontro con un’altra persona, riesco ad aiutarla ad esserci in pienezza nella sua vita, anche se per poco e anche se solo per un aspetto.
Felice di essere stata una parte del suo cammino di consapevolezza e di liberazione da etichette, da stereotipi, da insoddisfazioni, da catene e zavorre.
Felice se l’ho aiutata a comprendere gli snodi importanti della sua vita, a superare un abbandono, ad elaborare la fine di una storia d’amore, a lasciar andare un copione da vittima o da perdente.
Aiutata senza invadere il suo campo, ma un passo indietro, nel profondo rispetto e ascolto dei suoi tempi e della sua sacralità.

Sono felice quando insieme abbiamo contribuito a creare un nuovo ordine, di amore, che so che si espanderà nel mondo e oltre, con nuove energie e vibrazioni.

Per questo ho creato dei percorsi sulla Donna Selvaggia e sui copioni di vita che ci incatenano “Tre settimane e mezzo di ribellione”.

Tengo gruppi di coaching a tema: che donna sei, i vampiri energetici, la donna selvaggia, amori finiti come uscirne, desidera, io sono, e altri in divenire. E ovviamente incontri individuali.

Pagina facebook : Roberta Bailo wildcoach 

Tags:

Nessun commento

Leave a reply

NaturaGiusta - Essere in Evoluzione