Piante, Magia e Astrologia

Nell’Astrologia arcaica, gli antichi associavano la magia delle piante all’astrologia.
Descrivevano i sette pianeti tradizionali come divinità e come ogni pianta governi una serie di oggetti, secondo il criterio energetico e la tipologia intercorrente tra pianta e pianeta.

Negli studi di Ermete Trismegisto viene spiegato come ogni pianeta ha il dominio sui metalli, pietre, piante, colori e magia. Tale sapienza riecheggia ancora oggi.

Per esempio, le piante piccanti e infuse sono governate da Marte, le pianti fragili e fredde invece da Saturno.

Le piante sono il pilastro di qualsiasi operazione magica astrologica e la loro presenza può aiutare in un rituale, o addirittura delle volte alleviare a livello energetico posizioni di pianeti difficili in un grafico natale.

Molti medici/astrologici dei tempi passati usavano affidarsi alle piante e all’astrologia per trovare rimedi contro la malattia, in quanto a ogni pianeta veniva anche associato un organo e ci si avvaleva anche della Teoria delle Segnature per riconoscere quali rimedi naturali potevano essere associati alla malattia per curare al meglio.

Per questo è importante conoscere sé stessi tramite il proprio tema di nascita.

Vi dono qualche informazione pratica, in modo che possiate attraverso la vostra carta natale, ritrovare le piante e quelle parti di voi che sono carenti o che richiedono più attenzione, così da inserire qualche piccola semplice pratica magica.

Vediamoli insieme:

Saturno rientra nella categoria malinconica, esibisce atteggiamenti secchi e freddi, governa l’udito.
Paracelso gli ha assegnato la sovranità della milza. William Lilly trova affinità per i denti, le orecchie, le ossa, la vescica e tutti gli organi o parti del corpo che si squilibrano a causa del freddo, anche la bile nera.
Saturno è associato al Capricorno segno dell’inverno, femminile cardinale, il cui elemento è la Terra fredda, in corrispondenza con il Solstizio d’inverno al mondo cristallino e al distacco.

Le piante associate al dio del freddo, sono dure, nodose, e preferiscono ambienti scuri o freddi, e sono: Issopo, Tamerice, il Sigillo del Re Salomone e Comfrey, il Tasso il cui legno era utilizzato dalle streghe per filtri malefici come anche la Cicuta.

Giove possiede qualità sanguigne, esige energie calde o calde umide, governa il senso del gusto, si diletta nel’’espansione, nella saggezza, nella conoscenza.
Paracelso gli assegna la sovranità del fegato, arterie e il movimento del sangue.
Associato ai Pesci, segno invernale femminile mobile, in analogia alle emozioni, alle sensazioni della fervida immaginazione.

Le piante grandi, luminose ed espansive sono associate a Giove, come: Cedro, Mirra, Incenso, Mirtillo, Basilico, Agrimonia.
Il Tarassaco, sacro a Giove, ad azione antinfiammatoria e diuretica; Issopo e la Primula.

Marte mostra caratteristiche colleriche, costituzione calda e secca, bellicoso, avventato, facilmente appassionato.
Paracelso gli assegna la sovranità della cistifellea, affinità con la formazione di pietre all’interno del corpo, come calcoli renali o calcoli della cistifellea; le ferite alla testa e febbri estreme.
Associato al Segno dell’Ariete, segna l’inizio della Primavera, diventa Marte Oscuro nel segno dello Scorpione. Considerato il principio del maschile forte, amante della guerra, audace e impulsivo, pianeta del fuoco e ferro, sostiene lo sforzo, la volontà, la competizione e l’energia muscolare.

Le piante associate a Marte sono spinose, dai sapori forti e intensi e si mostrano intense di azioni difensive, tipo: Ginger, Cannella, Aglio, Peperoncino, la Senape, lo Zenzero, l’Ortica.

Sole governa l’essenza o lo spirito Vitale, esibisce calore e secchezza, governa il senso della vista e Paracelso gli conferisce la sovranità del cuore, l’occhio destro per l’uomo e l’occhio sinistro per la donna.
Associato alla natura del segno del Leone e alle fatiche di Ercole che attraverso le dodici fatiche perfeziona la sua natura umana fino a conquistare quella di semi-dio. Segno Maschile Fisso, rappresenta il Leone, potenza, regalità e forza creativa, magnetismo e fierezza.
Il Principio Maschile del Sole è considerato il motore del sistema planetario, espressione di centralità e totalità del divino.

Le piante associate al Sole sono brillanti, giallo/arancione, crescono in luoghi luminosi e soleggiati, le foglie sono a forma di cuore come: Girasole, Calendula, Ginestra, Cicoria, Dente di Leone, Mirra, Zafferano, Rosmarino, Alloro, Iperico.

Venere occupa le categorie sanguigne, con energie caldo umide, governa il senso del tatto e del sentimento.
Paracelso le assegna come sovranità i reni, ma anche la gola, la pelle, la matrice intercellulare, lo sperma e le ovaie.
Venere associata alla Bilancia e al Toro, segno cardinale femminile, il cui elemento è l’Aria del vento autunnale per la Bilancia, incarna tutte le più alte espressioni d’Amore, ogni forma di unione regolata dalla legge come il matrimonio.
Nel Toro, Venere incarna la Terra fertile per la primavera caratterizzata dal simbolo di bellezza, armonia, dell’attrazione, una Venere celeste dea dell’amore puro.

Le piante associate a Venere sono morbide, particolarmente gradevoli per i sensi, afrodisiache, rinfrescanti e diuretiche come: la Viola, il Timo, la Rosa, la Verbena e la Fragola, Arancio, Mirto e tutte le piante leggere ed esteticamente gradevoli.

Mercurio secondo Paracelso governa i Polmoni, ma anche la maggior parte degli aspetti della coscienza, della vita e dell’esperienza mentale/sensoriale.
Mercurio pianeta per eccellenza che indica intelligenza, prontezza di riflessi, capacità comunicative e passaggio rapido delle informazioni, associato ai Gemelli, segno mobile, maschile caratterizzato dall’Aria, mossi da una grande curiosità il compito dei Gemelli è quella della ricerca della conoscenza, infatti i nativi di questo segno sono molto curiosi.

Le piante associate sono inclini ad adattarsi particolarmente al loro ambiente, hanno colorazioni screziate o mostrano incoerenza prominente nei colori, come la Menta piperita, la Valeriana, la Mandragora, Aneto, Finocchio e Cinquefoglie.

Luna possiede proprietà fresche ed umide, governa l’acqua del corpo, la vista insieme al Sole. Paracelso conferisce la sovranità sul cervello, come anche l’intestino, secrezioni gastriche, la vescica, gli ormoni, le ghiandole endocrine e i fluidi amniotici.
Le qualità del freddo e dell’umido corrispondono al temperamento flemmatico.
Associata al Cancro, segno Cardinale femminile, ai cicli della vita, governa l’energia sessuale e si converte in raccoglimento e protezione del seme, ben custodito dalla corazza del granchio.

Le piante associate sono di colore bianco o chiare, preferiscono ombra e ambienti umidi, come Malva, Peonia, Artemisia, la Ninfea bianca e la Salvia.

Ecco cosa puoi provare oggi: guarda la tua carta natale e pensa a una pianta che potrebbe averti dato fastidio o irritato. Forse nel tuo grafico, puoi intuitivamente trovare delle informazioni e associarle al pianeta.
Potresti, per esempio, fare un tè con alcune piante che sono associate con il problema, magari mentre assapori la tua bevanda, medita in modo da apportare guarigione a quella parte ferita.

Magari una parte di quella tensione può iniziare a dissolversi.

Amo molto lavorare con le piante in Astrologia e associarla alla magia dell’intento: mi aiuta a radicare l’energia dei pianeti dentro di me e contribuisce alla comprensione delle mie ferite profonde associate ai pianeti nel mio grafico, insomma un viaggio senza fine…
Provalo, e poi scrivimi e dimmi cosa ne pensi.

Con Amore

Carla

Se ti fa piacere ricevere la tua carta natale, fare un colloquio e scoprire insieme i tuoi talenti, il tuo potere, scrivimi: carlasaibabu@gmail.com

Scopri il mio libro
Le Streghe vanno a letto presto

© Naturagiusta 2018-20. Tutti i diritti riservati

Carla Babudri ha inizialmente studiato le Astrologiche Classiche e in seguito approfondito la corrente umanistica/psicologica integrando gli studi legati al Karma.

Nel 2004 decide di studiare astrologia e ad approfondire  argomenti spirituali indirizzandosi verso il Culto della Dea creando l’Arche – astrologia  che la vede coinvolta in una ricerca di consapevolezza sempre più profonda, diventando cosi un counselor Astrologico, centrato sul mondo della Psicologia degli archetipi.

Nel 2008 completa gli studi di Astrologia Karmica con il Maestro Karun, maestro italo/indiano di astrologia Indiana, astrologia tibetana.

Nel 2009 incomincia la sua ricerca su Ofiuco e inizia il suo libro sul tredicesimo segno.

Nel 2010 diventa operatore di Theta Healing;

Nel 2010 intraprende i suoi studi nel mondo Tantrico/Taoistico, accedendo cosi ai sacri misteri del Sacro Femminile- Sacro Maschile

Nel 2017 crea e fonda il Tempio di Jada, una visione nuova sul sacro femminile e sacro maschile, tutto ripreso dagli studi e dalla esperienza con il mondo taoistico/tantrico.

Ha pubblicato due libri di poesie incentrate sul percorso di crescita individuale e la scoperta del sé.

Conduce gruppi di meditazioni e visualizzazioni guidate verso il potenziale Femminile e armonizzazione con i cicli naturali di Madre Terra, seguendo la corrente filosofica della “Cammino della Dea”.
Amante della fotografia. Ha scritto articoli per la rivista L’iniziazione e per diversi blog.

MAGGIORI INFO: www.storiadiunapoesia.it

Nessun commento

Leave a reply

NaturaGiusta - Essere in Evoluzione