La Candela di Babilonia e il Solstizio d’Inverno

Il potere delle candele di Babilonia hanno radici antichissime.
Tramandate di famiglia in famiglia per non perdere la magia dell’incanto, arrivata anche ai giorni nostri.

Il primo accenno di questa antica magia la troviamo nel film di Stardust del 2007.
Nel film viene raccontato che la candela di colore nera portasse ovunque, l’importante era accenderla e pensare al luogo che si desiderava visitare.

Nelle antiche tradizioni Babilonesi, la candela nera serviva, per fare viaggi mistici.
Veniva accesa solo in determinati giorni dell’anno, come il Solstizio d’Inverno o quando la Luna Piena attraversava le Pleiadi e Orione.

Perché?

Perché in questi periodi dell’anno si potevano effettuare viaggi cosmici, compresi i viaggi nell’oltretomba ed in luoghi apparentante scomparsi, come l’isola di Atlantide.
La candela nera accesa attiva e sprigiona immediatamente un potere meditativo profondo, facendo entrare la persona, delle volte, in trance.

Per questo è importante saper utilizzare con responsabilità gli strumenti magici, e capirne la loro funzione.

In questo Solstizio Invernale dove anche la Luna Piena apporterà il suo potere, potrebbe essere un buon momento per accendere la candela nera di Babilonia ed elevarsi in stati meditativi.
Non a caso la Luna Piena in Cancro incontrerà il Solstizio.
Si racconta che quando avviene questo aspetto astronomico così importante, (il prossimo sarà nel 2094), la luna partorisce: “Luce” e da questo momento le energie femminili riemergeranno dal suolo della Terra.

Siamo nel tempo giusto, direi!

Allora aiutiamo la Luna a partorire e partoriamo anche noi stessi!

Per questa occasione potremmo fare un bellissimo rituale.
La tradizione Babilonese vuole che la candela nera venga preparata nella notte Luna Nuova, creata con cera d’api artigianalmente composta con erbe rituali come, salvia, lavanda e ginepro all’interno, ma nel nostro caso andrà benissimo anche acquistarla, l’importante è l’intento.

Occorrente

  • Candela Nera
  • Candela Bianca
  • Un cristallo di rocca e una pietra di onice
  • Uno smudge o incenso o palo santo

Procedimento

Accendi la candela bianca, rilassati e trova una posizione comoda; attraverso il respiro entra in uno stato di profondo rilassamento.
Se senti la necessità, per entrare maggiormente nelle tue profondità, potresti ascoltare anche della bella musica rilassante.

Appena ti senti distesa, accendi il tuo smudge, e fai scivolare il fumo sul tuo corpo e nella stanza, con l’intento di purificare.

Accendi adesso la candela nera e prendi le due pietre tenendole nelle mani; utilizza l’intento per viaggiare verso il Solstizio, per raccogliere le energie della Luna Piena e per  aiutarla a partorire “Luce”.
Insieme al suo potere ti sentirai irradiata da una luminosità profonda.
Lasciati trasportare dall’energia e se il corpo desidera ballare, balla…

Immagina che questo bagliore caldo arrivi in ogni angolo della tua vita, che vada ad illuminare ogni aspetto di te stessa, …lasciati trasportare dalle sensazioni o dalle immagini.
Resta in questa trance energetica ancora un po’.

Appena ti sentirai radicata, puoi aprire gli occhi ringraziando la Terra, e con un gesto delle mani dal basso verso l’alto, porta fuori dalla terra le energie femminili ed espandila ovunque aprendo le braccia più che puoi.

La Luna partorirà una femmina in questo Solstizio, verrà donata alla Terra e all’intera umanità: “Luce”, sarà una bellissima bambina, aiutiamola nel suo viaggio di ritorno a casa.

Siate presenti, gentili con voi stessi e pronti a ricevere una nuova energia.

Con infinito amore

Carla

Scopri il libro bestseller di Carla:
Le Streghe vanno a letto presto

Scopri Subito

© Naturagiusta 2018-22. Tutti i diritti riservati

Carla Babudri ha inizialmente studiato le Astrologiche Classiche e in seguito approfondito la corrente umanistica/psicologica integrando gli studi legati al Karma.

Nel 2004 decide di studiare astrologia e ad approfondire  argomenti spirituali indirizzandosi verso il Culto della Dea creando l’Arche – astrologia  che la vede coinvolta in una ricerca di consapevolezza sempre più profonda, diventando cosi un counselor Astrologico, centrato sul mondo della Psicologia degli archetipi.

Nel 2008 completa gli studi di Astrologia Karmica con il Maestro Karun, maestro italo/indiano di astrologia Indiana, astrologia tibetana.

Nel 2009 incomincia la sua ricerca su Ofiuco e inizia il suo libro sul tredicesimo segno.

Nel 2010 diventa operatore di Theta Healing;

Nel 2010 intraprende i suoi studi nel mondo Tantrico/Taoistico, accedendo cosi ai sacri misteri del Sacro Femminile- Sacro Maschile

Nel 2017 crea e fonda il Tempio di Jada, una visione nuova sul sacro femminile e sacro maschile, tutto ripreso dagli studi e dalla esperienza con il mondo taoistico/tantrico.

Ha pubblicato due libri di poesie incentrate sul percorso di crescita individuale e la scoperta del sé.

Conduce gruppi di meditazioni e visualizzazioni guidate verso il potenziale Femminile e armonizzazione con i cicli naturali di Madre Terra, seguendo la corrente filosofica della “Cammino della Dea”.
Amante della fotografia. Ha scritto articoli per la rivista L’iniziazione e per diversi blog.

MAGGIORI INFO: www.storiadiunapoesia.it  –  www.iltempiodijada.it

Nessun commento

Leave a reply

NaturaGiusta - Essere in Evoluzione
Logo