Eccomi, sono il Senso di Colpa

Eccomi, sono Il Senso di Colpa.

Io ti tengo dentro.
Dentro relazioni malsane, dentro. Religioni mortifere, dentro la non vita.

Ti catturo e ti risucchio vita e aspirazioni.

Ti aggancio nelle tue parti vitali più profonde e ti tengo lì nella zona comfort.
Ti plagio, ti seduco con false promesse.
Credi sia quella la serenità.

Ti faccio adagiare e tengo pacifica, ti permetto che tu ti muova fino-a-lì,
ma poi ti riporto indietro buona e addomesticata
quanto è sufficiente perché tu non possa spiccare il volo.

Ti faccio accontentare delle briciole.

Ti confondo pensieri e sentimenti al punto che non sai veramente chi sei,
quello che provi e quello che vuoi e puoi fare ed essere.

Agisco nell’ombra spesso, mi maschero da altri sentimenti buoni e degni.

Dentro alla bolla non riesci ancora a vedere.

Vedere i fili e i ganci che ti tengono legata.

Occhi tappati, confusione, paure, smarrimenti.

Sono io che li creo quotidianamente con abilità,
celato sotto mentite spoglie di amore vero e di sana coscienza e di altruismo…

Ma io gli voglio bene, ma io lo amo, ma io non posso vivere senza di lui,
ma con tutto il bene che mi vuole…

Ma lui non può vivere senza di me, con tutto quello che ha fatto per me, mi ama…
e io ingrata voglio vivere senza di lui?

Ti farò sentire così, ti farò sentire ingrata e cattiva.

Ti confonderò al punto che non saprai più dove siano giustizia e amore sano.

Sono io, il Senso di Colpa.

Sono possente, subdolo, forte di costruzioni religiose di secoli.
Rabbuio, confondo, mescolo, offusco, faccio vacillare.

Sono alleato con il ricatto e la paura.

Ti faccio sentire inadeguata se hai successo, se piaci, se l’abbondanza arriva nella tua vita.
Ti confondo la realtà e ti faccio credere che se avrai pienezza sarai sola,
dovrai tradire, far soffrire, tagliar, uccidere…ti dipingo come ingrata, indegna, crudele.

Confondo talmente bene sentimenti ed emozioni che è difficile stanarmi e definirmi.

Lavoro così bene che è difficile eliminarmi.

Sono la colpa di vivere, sono la colpa di volere di più, sono la colpa del tradimento, sono la colpa di voler essere felice, sono La Colpa di voler uccidere il Paradiso perché all’Inferno c’è più pienezza e vita vera.
Sono la colpa del volere un amore vero…

Sono il Padre Padrone, La Madre Castrante, la Vittima, la voce della coscienza…

Non mi eliminerai mai dalla tua vita.

Sono entrato in te dai tuoi antenati.
Governo le storie da sempre.
Sono entrato nel tuo DNA secoli orsono.

Lo senti come ti aggancio nel corpo?
Nell’osso sacro, ogni volta che provi a muoverti ed uscire?

So che a volte ti servo per non scegliere veramente te stessa.
So che anche tu mi stai usando perché hai paura della tua grandezza e del tuo potere.

Puoi solo fare una cosa.

Ribellarti.

E poi…

Portare il peso di me, e scegliere lo stesso.

Puoi fare il salto per te, con me presente.

Puoi vedermi, e sarò meno terrificante.

Puoi comprendere da dove arrivo, come mi hai dato cibo e ossigeno negli anni, e togliermelo da ora.

Puoi tagliare relazioni anche sentendoti in colpa, intanto altra strada non c’è.

Puoi dire: ti ringrazio e ti onoro, e vado…senza voltarti indietro.
Rimani sul confine, non oltrapassarlo facendoti fagocitare dalle invasioni dell’altro.
E non girare la testa.
Voltati e vai.

Porterai il peso di sentire che non sei brava, non sai amare, che avresti potuto resistere ancora un po’, che avresti potuto fare ancora per un po’ di tempo la crocerossina, la mendicante, la vittima.
Che avresti potuto ancora servire i desideri e le aspettative degli altri.

Ma tu scegli te, tu sai che non è vero.
Tu conosci la tua realtà.
Lascialo dire.
Lui fa il suo lavoro.

Tu sei chiamata ad altri mondi.

Se si è accesa la scintilla della vita vera, se la chiamata della donna selvaggia che sei è tornata, e ti chiama potente e prepotente, hai anche la forza di portare con te il senso di colpa.

Puoi portarne il peso.

Ma non cedere più a lui.

So che ne hai forza e resilienza e potere.

La tua saggezza sa come fare.

Ascolta il tuo intuito profondo, vai avanti e vivi, nell’amore vero, per te stessa per prima.
Sarà il tuo segreto e la tua forza.

Roberta

Roberta Bailo
Sono un coach. Un wild coach della ribellione.
Aiuto le persone a scoprire le loro energie nascoste.
Per me essere wild significa scoprire e riscoprire la propria vera essenza e portarla nel mondo.

Wild è ritornare ai propri cicli naturali in armonia con la natura e le sue forze potenti. Wild è riscoprire la propria energia, il proprio potere e portarlo nel mondo. Wild è accedere alla propria saggezza ancestrale. Wild è anima.

Ribellione è diventato il mio mantra, ma non nel senso di andare per forza contro corrente, da outsider, ma nel senso più profondo di essere pienamente se stessi.
Ribellarsi quindi a tutto quello che impedisce il bellissimo percorso di trasformazione che è vivere.

A volte ribellarsi persino a se stessi, se questo non porta ad un di più di sé. Tradire a volte, se necessario, tradire anche idee su di noi. Stare nelle contraddizioni.
Da sempre in cammino di ricerca, ho trovato in questo mio modo di fare coaching il contributo che posso essere per il mondo, che corrisponde alla mia energia e al mio potere.

Sono felice quando, nell’incontro con un’altra persona, riesco ad aiutarla ad esserci in pienezza nella sua vita, anche se per poco e anche se solo per un aspetto.
Felice di essere stata una parte del suo cammino di consapevolezza e di liberazione da etichette, da stereotipi, da insoddisfazioni, da catene e zavorre.
Felice se l’ho aiutata a comprendere gli snodi importanti della sua vita, a superare un abbandono, ad elaborare la fine di una storia d’amore, a lasciar andare un copione da vittima o da perdente.
Aiutata senza invadere il suo campo, ma un passo indietro, nel profondo rispetto e ascolto dei suoi tempi e della sua sacralità.

Sono felice quando insieme abbiamo contribuito a creare un nuovo ordine, di amore, che so che si espanderà nel mondo e oltre, con nuove energie e vibrazioni.

Per questo ho creato dei percorsi sulla Donna Selvaggia e sui copioni di vita che ci incatenano “Tre settimane e mezzo di ribellione”.

Tengo gruppi di coaching a tema: che donna sei, i vampiri energetici, la donna selvaggia, amori finiti come uscirne, desidera, io sono, e altri in divenire. E ovviamente incontri individuali.

Pagina facebook : Roberta Bailo wildcoach 

Nessun commento

Leave a reply

NaturaGiusta - Essere in Evoluzione