Ma cosa sei diventata?

Ma cosa sei diventata?

Sono diventata me, semplicemente.

Chi ha la fortuna di avere la propria madre che cammina ancora su questa Terra, può constatare attraverso i suoi occhi, il grande lavoro di scarcerazione personale fatto nel corso degli anni.

Una frase che mia madre mi diceva sempre anni fa, era: “ti conosco meglio di te!”, lì per lì ci credevo, pensavo che l’avermi messa al mondo l’avesse dotata di una sorta di antenna che le permettesse di captare i miei stati d’animo, il mio essere autentico.

Balle!

Lei mi vedeva con il filtro dei suoi occhi, insieme a quanto io le permettevo di vedere. Cioè, diciamo che tra un filtro e l’altro riusciva a individuare lo zero virgola uno.

Ci saranno anche madri che riescono ad andare oltre ai propri veli, e ci saranno figlie più aperte a farsi conoscere, ma è tutto molto relativo.

E quindi, per misurare quanto ci siamo liberate, potrebbe essere utile sentire le esclamazioni di nostra madre dopo aver detto qualche verità.

Non tutta la verità, per carità, andateci piano.

Mia madre è passata da “ti conosco meglio di te!”, a “cosa sei diventata?”
Immaginate una simpatica ottantenne con il tipico accento veneto, l’aria sconvolta accompagnata dalla beneaugurante imprecazione tipica della zona, che non posso riportare.

Mi dispiace sconvolgerla così, ma devo pur farle capire che esiste un altro modo di essere donna.

Vabbè, comunque, a parte la mia mission impossible, la sua costernazione o stupore, dipende dai casi, è un buonissimo metodo per capire quanto io mi sia liberata dagli stereotipi, e da tutte quelle convinzioni che nemmeno mi appartenevano ma che avevo messo in scena per anni.

Ci tengo a precisare che mia madre è una donna di magia, ma non lo sa. Purtroppo, quand’era piccola, le hanno detto che la magia era male, e lei ci ha creduto, soffocando tutti i suoi talenti. L’unico rimasto è lo storytelling, ampiamente usato perché non sa che è un’arte sciamanica e magica.

Ho imparato molto da lei e, ora che non mi nascondo più ai suoi occhi, le sto insegnando parecchie cose anch’io.

Così, quando esclama “cosa sei diventata?” io rispondo “me, sono diventata me!”

La storia familiare è solo un punto di partenza.

Spesso si associano le radici alla famiglia, non è così, vi basta osservare la natura: se un albero attecchisce ai piedi della pianta madre verrà soffocato dalle radici e dalla ramificazione della stessa, oppure sarà la giovane pianta a soffocare e far morire la pianta genitrice.

Le vere radici sono la misura in cui sei riuscita a conoscerti, ad andare in profondità dentro te stessa.

Siamo nati per scrivere un copione diverso da quello esistente, e far conoscere una nuova narrazione. Così come i nostri figli scriveranno un copione diverso dal nostro e ci faranno conoscere nuovi e sorprendenti epiloghi.

Sorprendete chi vi ha messo al mondo, dite la verità, almeno una parte se sono molto anziani, alzate il velo delle illusioni, fateli imprecare, fatevi buttare fuori di casa come fa mamma orsa col suo orsetto ormai indipendente. Prima di chiudere la porta, metaforicamente e non, ditele che l’amate tanto, ma non trattenetevi.

Iniziate a scrivere la vostra vera storia, cosa siete diventate?

Se la risposta che affiora è “me!” siete sulla strada giusta…

Buon viaggio

Enrica

Scopri il mio Libro
Il Fuoco di Berkana

Scopri il Libro

ENRICA ZERBIN, nata e cresciuta tra campagna, fiume e mare, dove ha scoperto la magia dei cicli lunari e appreso l’uso delle erbe medicamentose delle campagne, insieme agli antichi rituali legati alla Dea e agli elementi; eredità delle sue antenate.
Ricercatrice e studiosa di miti e leggende (con particolare interesse per l’antica saggezza nordica), della simbologia di varie culture, degli archetipi, del Sacro Femminile e della Grande Dea fino allo sciamanesimo.
Iniziata alle Rune tramite l’Elemento Acqua; aiuta con questo importante strumento a svolgere un profondo lavoro di lettura dell’ombra e delle memorie nascoste.

Nel dicembre del 2015 esordisce col suo primo romanzo, Tu Mi Hai Salvato La Vita, edito da Cinquemarzo: una storia sull’importanza degli avi e la saggezza degli anziani, dell’amore nato in circostanze impensabili e bizzarre sincronicità.
Nel 2019 esce il suo secondo libro, La Danza Del Seme Selvaggio, rocambolesco viaggio di due donne non più giovanissime che si trovano, loro malgrado, a dover stravolgere la loro vita e a lasciare la famigerata zona comfort.
Un iniziale dramma si trasforma, per Anthea e Miriam, in una straordinaria avventura tra i sentieri alpini, con la sola guida di una mappa disegnata da una misteriosa vecchia guaritrice.

Nelle sue opere al femminile, sottolinea l’importanza del viaggio, che sia mistico o fisico, per superare i limiti imposti da società e credenze sbagliate a cui la donna ha dovuto sottostare per secoli.

Segui il mio BLOG

Nessun commento

Leave a reply

NaturaGiusta - Essere in Evoluzione