Villaggio indonesiano: dal degrado all’arcobaleno

Un coloratissimo villaggio situato a Randusari nel sud di Semarang (Indonesia). Un piacere per gli occhi e per tutti i sensi, un mix di tonalità che mette subito allegria e stupore. Ma non è sempre stato così.

L’area nasce infatti come una baraccopoli di circa 232 case, che nessuno fino a qualche tempo fa voleva visitare. Il villaggio era un luogo abbandonato e degradato, considerato una discarica a cielo aperto.


Qualche anno fa, Kampung Pelangi  ha conquistato il soprannome di Rainbow Village, villaggio arcobaleno.

L’iniziativa si deve al 54enne Slamet Widodo dirigente della scuola superiore, che ha tratto ispirazione da altre città per portare l’arcobaleno a Kampung Pelangi. L’arte rispecchia la personalità dell’artista, ciò che pensa, ciò che lo contraddistingue, ciò che è e che l’artista stesso trasmette nelle proprie creazioni.

Così grazie all’aiuto del governo, le abitazioni sono state trasformate in opere d’arte. Le mura adesso esplodono di vita, dando un nuovo vivere a tutto il villaggio.

Chi non vorrebbe visitare questo villaggio situato su un altra dimensione?!

Fonte: greenme.it


Nessun commento

Cosa ne pensi?

NaturaGiusta - News, Prodotti e Offerte per l'Eco-Bio-Benessere